Situata al centro dell'arcipelago delle Isole Eolie, l'isola di Salina è la seconda per estensione con i suoi 2.680 kmq e conta circa 2.400 abitanti. Anticamente veniva chiamata “Didyme” (montagne gemelle) perché formata da due rilievi vulcanici ormai spenti. Il nome attuale, datogli dai romani, deriva dal laghetto di Lingua un tempo utilizzato per l'estrazione del sale.

Di tutte e sette le sorelle, Salina è l'unica che gode di buone risorse idriche che hanno permesso la crescita di un'abbondante vegetazione, tanto da essere anche definita l'Isola Verde. L'isola presenta gli ambienti più vari: la costa a tratti morbida e a tratti frastagliata; i fondali sono quanto più vari; le aree boschive si alternano a quelle coltivate e nel territorio vi sono diverse aree di interesse naturalistico e importanti aree archeologiche.

L'unicità dell'isola deriva anche dall'autonomia amministrativa dal comune di Lipari, cui appartengono tutte le altre isole e dalla divisione politica in tre comuni distinti, sorti secondo due diversi interessi di sviluppo: Malfa e Leni per il rapporto con la terra e Santa Marina Salina per quello con il mare e i commerci.

Il modo più emozionante per scoprire Salina

Cosa vedere

La conformazione morfologica rende l’isola di Salina ricca di attrazioni singolari. Le strade rotabili, che collegano i vari centri abitati, corrono tra vallate e rocce vulcaniche e permettono di ammirare panorami mozzafiato. Il miglior modo per visitare l’isola via terra è noleggiare uno scooter o un’auto, anche se, durante la stagione estiva, un servizio di bus di linea garantisce i collegamenti tra i paesi fino a tarda sera.
Di particolare bellezza sono le rotabili a picco sul mare che collegano Santa Marina, porto principale dell’isola, al resto dell’isola. Lungo questi percorsi è possibile arrivare al piccolo borgo di Lingua, dove visitare il laghetto, uno specchio di acqua salmastra diviso dal mare da una sottile striscia di roccia. Altra tappa obbligata è il sito archeologico di Portella, un villaggio dell’età del Bronzo costruito su una cresta vulcanica dalla quale ammirare scorci eccezionali.
Meritano una visita i vicoletti del Comune di Malfa ed in particolare la scala panoramica che porta alla scoperta della Spiaggia dello Scario, una caletta naturale scavata nella roccia, caratterizzata da grandi ciottoli levigati e dal mare cristallino. Il luogo più conosciuto dell’isola è sicuramente Pollara, un piccolo agglomerato di case sorte all’interno di un antico cratere vulcanico. Pollara, set del film Il Postino di Massimo Troisi, offre alcuni tra i panorami più suggestivi del territorio.
Addentrandosi nella vallata che separa i due monti, tra vigneti e rocce coloratissime, si arriva invece, nella località di Valdichiesa ove sorge il santuario della Madonna del Terzito, il luogo di culto più importante dell’isola. Altro caratteristico centro abitato è il borgo di Rinella, con il suo piccolo porticciolo e una spiaggia di finissima sabbia nera sormontata da grotte scavate nella roccia.

Image
Image
Image

Salina: un'isola di emozioni

Cosa fare

Salina offre ai suoi visitatori un’esperienza a tutto tondo.
Le escursioni alla scoperta dell’isola via mare sono in grado di regalare esperienze indimenticabili. Gli amanti della natura possono visitare le antiche mulattiere, i piccoli sentieri immersi nel verde, utilizzati ancora oggi dagli abitanti per raggiungere i terreni coltivati. Per i più avventurosi una serie di percorsi panoramici permettono di scoprire le bellezze dei due monti.
L’isola è rinomata per la bellezza dei suoi borghi, specializzati nella viticultura e nel buon cibo. Passeggiando all’interno dei centri urbani è possibile ammirare le peculiarità dell’architettura eoliana, scoprire le boutique di artigianato locale e di prodotti tipici del territorio. Nei centri abitati è possibile visitare i diversi luoghi di culto, al cui interno si trovano importanti opere di arte sacra. Un’attività imperdibile è la visita alle cantine vinicole presenti sul territorio, con la possibilità di degustare i vini e i prodotti locali. Da non perdere è il tramonto a Pollara, considerato uno dei più belli al mondo. Salina è anche divertimento. Durante la stagione estiva sono numerosi i locali, dove potersi rilassare, ammirare i panorami isolani e ascoltare musica dal vivo. Gli eventi culturali, i cinema all’aperto, le serate danzanti sotto le stelle, lasceranno un ricordo indelebile a chiunque si trovi immerso in questa realtà.
Image
Image
Image